Amicosmetico – Le sostanze da evitare

cosmetici-biologici-e-naturali_0di Monia Bertacchini

Oltre agli alimenti, i cosmetici sono i prodotti con i quali il nostro corpo viene forse in contatto più spesso quotidianamente. Non dobbiamo infatti pensare al cosmetico solo con l’accezione del prodotto da make up ma anche, e qui la più recente normativa è molto chiara, al dentifricio con cui laviamo i denti tutti i giorni, al sapone per le mani, la crema per il viso, il deodorante, lo shampoo, il gel per capelli ecc…

È quindi di importanza fondamentale prestare grande attenzione ai cosmetici che usiamo quanto ciò che mangiamo.

È anche vero che il nostro aspetto esteriore dipende largamente dalla nostra alimentazione, dal nostro stato d’animo, dallo stress quotidiano.

Il cosmetico diventa quindi un coadiuvante per il mantenimento della “buona salute” della nostra pelle, capelli, denti, unghie ecc..

Nessuno si mangerebbe a colazione una tazza di petrolato con un biscotto di cera microcristallina ….. e allora perché assumerli attraverso la nostra pelle?

Sì il paragone è un po’ pesante, ma a volte quando si acquista un cosmetico un po’ più convenzionale, e non ditemi che non lo fate, non tutti hanno la capacità di capire da cosa è costituito. Giustamente, aggiungo. Non dobbiamo per forza essere dei chimici per fare la spesa consapevolmente!!!

Da cosa diffidare? Quali sono gli ingredienti che dobbiamo evitare? Tanti purtroppo. Attualmente la normativa cosmetica prevede l’uso anche massiccio di derivati del petrolio, ma questi non sono che solo alcuni dei composti da evitare.

I principali “cattivoni” del momento sono:

  • Parabeni: Butilparaben metilparaben, etilparaben, ecc… sono conservanti, prodotti di sintesi derivati dal petrolio dalla ancora dubbia influenza sull’attività estrogenica. Vero è che sono in piccola percentuale, ma ciò non significa che non potrebbero arrecare, a lungo termine, danni alle pelli più delicate;
  • Siliconi: Dimeticone, Ciclometicone, Isotioazolinone, Siloxane ecc… sono responsabili dell’effetto seta su pelle e capelli, peccato che sia un effetto totalmente superficiale, non nutrono la pelle o la cute ma formano un film occlusivo che a lungo termine finisce per impoverire e disidratare;
  • Tensioattivi aggressivi: Sodium Lauryl Sulfate (SLS), Ammonium Lauryl Sulfate (ALS), Sodium Laureth Sulfate (SLES) ecc… sono tensioattivi che se utilizzati come primari (posizione tra i primi posti nell’elenco ingredienti dei detergenti) risultano molto aggressivi per la pelle, da evitare quindi nei prodotti per le pelli delicate, per l’uso frequente, per i bambini;
  • Paraffina Liquida, Petrolati, microcristalline wax ecc… sono utilizzati in grande quantità nelle crolio_sesamo_ipertensioneeme e nelle paste per il cambio pannolino, abbiate l’attenzione di evitarle!!! È come se avvolgeste il sederino dei vostri bimbi nella pellicola trasparente impedendogli di respirare .. queste sostanze sono comedogeniche, formano un film occlusivo che isola la pelle da tutto, anche dall’ossigenazione che necessita. Purtroppo moltissimi prodotti per bambini e neonati ne sono pieni. In questo caso vale la pena veramente di cercare qualcosa di naturale, meglio ancora se bio. Se proprio non trovate nulla, massaggiate la pelle del bimbo con olio di riso e olio di mandorle…le cose semplici sono sempre le migliori!!!!

L’amicocosmetico di oggi è: l’olio di Riso.. adattissimo per i bimbi e per le pelli delicate, fonte naturale di vitamina E benefica per la pelle, aggiunto al bagnetto e usato come olio da massaggio aiuta l’idratazione e nutre naturalmente.

[yikes-mailchimp form=”1″ submit=”Submit”]