Amicosmetico – Leggere l’etichetta

Modulo ClaimRUBRICAAmicosmetico”  di Monia Bertacchini

Cosa guardiamo quando stiamo per acquistare un qualsiasi prodotto e in particolare un cosmetico?

Il prezzo è certo un discriminante fondamentale, e poi la qualità. Come possiamo capire se un cosmetico è di qualità o meno?

Non possiamo di certo provarlo mentre siamo in negozio … così ci affidiamo al gesto più consueto di tutti: leggiamo l’etichetta.

Cosa troveremo sull’etichetta di un Cosmetico?

Vorrei proprio soffermarmi su questo, su ciò che deve essere scritto per legge e su ciò che invece viene scritto per mero interesse commerciale.

La normativa vigente in campo cosmetico, il regolamento CE 1223/2009 indica con precisione quanto deve essere riportato in etichetta.

  1. Il nome o la ragione sociale e l’indirizzo della Persona Responsabile anche in forma abbreviata. Il regolamento individua all’interno dell’azienda produttrice la figura della Persona Responsabile che garantisce il rispetto degli obblighi previsti dalla normativa risponde di eventuali danni causati dal prodotto e collabora con le autorità competenti

  2. etichettaIl contenuto in peso (grammi) o volume (ml) del cosmetico al momento del confezionamento; quando accanto al contenuto viene riportata la “e” significa che il peso o il volume del prodotto è stato controllato statisticamente con una apposita bilancia

  3. La data di durata minima del prodotto, indicata dalla scritta “consumarsi preferibilmente entro” e dal simbolo della clessidra se il cosmetico ha una durata inferiore a 30 mesi, viceversa il periodo di tempo entro il quale il prodotto si conserva integro dopo l’apertura che è indicata da il numero di mesi preceduto dal simbolo di un barattolo aperto.

  4. Le modalità d’uso del prodotto e le precauzioni per l’impiego, se necessarie, ad esempio: proteggere le mani con i guanti (tinte per capelli); in caso di ingestione consultare un medico; risciacquare abbondantemente ecc…

  5. Il numero di lotto di fabbricazione, tramite il quale è possibile rintracciare da parte delle autorità competenti, ogni fase di lavorazione del cosmetico sino alle materie prime utilizzate

  6. L’elenco degli ingredienti, preceduto dalla parola “Ingredients” e scritto in linguaggio internazionale, riportante gli ingredienti in ordine decrescente. Gli aromi o profumi sono riportati con la parola generica “parfum” mentre gli ingredienti al di sotto dell1% possono essere indicati in ordine sparso dopo quelli presenti in concentrazioni superiori all’1%. I coloranti sono indicati, nella maggior parte dei casi, con il loro codice Color Index “C.I. seguito in genere da 5 cifre es: C.I. 77000

Tutti i cosmetici devono per legge riportare le informazioni sopra citate.

PAOLa maggior parte dei prodotti, però, riporta molte altre cose, esclamazioni a volte esagerate, descrizione di poteri straordinari, esaltazione di ingredienti presenti in piccolissime percentuali…

Queste affermazioni vengono chiamate “claims” e il loro utilizzo non può essere indiscriminato e senza fondamento.

Contestualmente all’applicazione del Regolamento n.1223/2009 infatti, è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea, il Regolamento n.655/2013 che stabilisce criteri comuni per la giustificazione dei claims utilizzati in relazione ai prodotti cosmetici. 

Il Regolamento stabilisce che chi vuole usare una determinata dichiarazione per il proprio prodotto, come potrebbe essere ad esempio la dicitura “efficace per 48 ore” per un deodorante, debba seguire sei criteri, ovvero: conformità alla legge, veridicità, supporto probatorio, onestà, equità e decisione informata.

Questo regolamento è così presentato sul sito web del Ministero della Salute

cit… La Commissione europea ha stabilito criteri comuni per la giustificazione delle dichiarazioni o claims che possono essere utilizzati per i prodotti cosmetici (stabiliti dal Regolamento (UE) N. 655/2013 della Commissione del 10 luglio 2013, come disposto dall’articolo 20 comma 2 del regolamento n.1223/2009)

Tali criteri sono sei:

  1. conformità alle norme,
  2. veridicità,
  3. supporto probatorio,
  4. onestà,
  5. correttezza,
  6. decisioni informate

Le dichiarazioni relative ai prodotti cosmetici, comprendono una serie di informazioni, indicazioni ed aggettivazioni  che compaiono sull’etichetta o sul materiale pubblicitario dei prodotti, che  servono principalmente a definire un prodotto cosmetico e ad informare gli utilizzatori finali sulle caratteristiche, sulle qualità e sugli effetti attribuiti al cosmetico.

PAOL’obiettivo principale dell’adozione di criteri comuni è garantire un livello elevato di tutela degli utilizzatori finali, in particolare dalle dichiarazioni ingannevoli sui prodotti cosmetici. Dato che questi prodotti hanno un ruolo rilevante nella vita degli utilizzatori finali, è importante garantire che le informazioni fornite con queste dichiarazioni siano utili, comprensibili e affidabili e consentano loro di prendere decisioni informate e di scegliere i prodotti più adatti alle proprie esigenze e aspettative. La Commissione europea ha pubblicato anche la linea guida per l’interpretazione del regolamento che contiene alcuni esempi esplicativi.”

Cosa vuol dire tutto questo?

Se trovo la dicitura “dermatologicamente testato” ad esempio, quel prodotto deve aver passato un Patch Test (Test di contatto) eseguito in un laboratorio qualificato su 20 volontari sotto la supervisione di un dermatologo

Se trovo la dicitura “idratante” quel prodotto deve aver passato un test di capacità di idratazione eseguito in un laboratorio qualificato.

Se trovo la dicitura “clinicamente testato” quel prodotto deve aver passato un Test eseguito in un laboratorio qualificato con protocollo clinico su volontari sotto la supervisione di personale medico

Attenzione quindi, molta attenzione, poiché nonostante la normativa sia stringente e teoricamente efficace, a livelli pratici il mondo cosmetico è ancora pieno di questi finti claims utilizzati indiscriminatamente e senza alcun fondamento scientifico. Diffidiamo da promesse straordinarie, da prodotti antirughe con efficacia millantata in pochi minuti, ma facciamo tanta attenzione a quella lista degli ingredienti obbligatoria per legge, che è l’unica vera carta d’identità del nostro cosmetico.

Fonti:

http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=3847&area=cosmetici&menu=presentazione

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_146_listaFile_itemName_0_file.pdf

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_146_listaFile_itemName_1_file.pdf

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2009:342:0059:0209:it:PDF

 

Leggi gli altri articoli della rubrica “Amicosmetico”