Cibo e salute – La salute comincia… dall’intestino

Int 110 regole per mantenerlo sano

di Stefania Bertoni

Il tratto digerente è costituito da un tubo lungo circa 10-12 metri in contatto con l’esterno, che va dalla bocca all’ano e la sua superficie totale supera i 260 m2, quanto un campo da tennis!!!, mentre la superficie esterna del nostro corpo, quella che vediamo, arriva al massimo a 2 m2, quanto uno sgabuzzino. Rappresenta quindi la maggior superficie del nostro organismo a contatto con l’esterno.

Le attività dell’intestino sono molteplici:

    • Trasforma i cibi (funzione digestiva)
    • Interagisce con il cervello e somatizza emozioni e stati d’animo (funzione neuroendocrina)
    • Modula la risposta immunitaria (funzione immunitaria)

Nel nostro intestino è presente una complessa popolazione microbica (microbiota intestinale), che costituisce circa 1 o 2 Kg del nostro peso. Il microbiota ha varie funzioni tra cui la produzione di vitamine e sostanze antibatteriche e di stimolazione del sistema immunitario a livello intestinale.

Il suo EQUILIBRIO diviene condizione necessaria e sufficiente per mantenere lo stato di BEN-ESSERE.

Int 2Dato che il cibo rimane all’interno del nostro intestino a lungo, da 2 a 6 ore nell’intestino tenue e da 12 a 48 ore nel crasso, quello che mangiamo influisce moltissimo sull’integrità e l’equilibrio dell’intestino.

Passiamo quindi dalla teoria alla pratica… ecco 10 regole d’oro per mantenere il nostro intestino in salute e prevenire così molte patologie, dai più semplici disturbi stagionali, a candidosi, a patologie croniche anche severe, seguendo un’alimentazione naturale priva di additivi e di cibi industrializzati, preferendo cibi freschi e frutta e verdura di stagione possibilmente a km 0.

  1. Appena svegli bene a digiuno 1 bicchiere di acqua tiepida con limone.
  1. Dedicare il giusto tempo ai pasti evitando di mangiare in fretta, in piedi o davanti alla televisione. Cominciare la giornata con una buona colazione energetica, fare un pranzo equilibrato ed una cena leggera.
  1. Mangiare almeno 5 porzioni al giorno tra frutta e verdura sia cruda che cotta, iniziare il pasto con una porzione di verdura cruda e variare spesso le tipologie rispettando sempre la stagionalità. Abituarsi a mangiare verdure ricche in inulina come topinambur, carciofi, cicoria.
  1. Utilizzare farine integrali o semi integrali per la preparazione di pane, dolci o pizze e mangiare cereali integrali in chicco almeno 3-4 volte la settimana ( ad es. riso integrale, orzo decorticato, farro decorticato, miglio decorticato, avena integrale)
  1. Mangiare legumi almeno 3 volte la settimana (lenticchie, lenticchie decorticate, ceci, fagioli, soia..) sia sotto forma di zuppe ma anche come polpette (polpette di lenticchie, falafel..) o crepes o sformati (crepes di ceci o farinata)
  1. Evitare dolci, zucchero aggiunto, bevande zuccherate, prodotti fatti con farine raffinate. Una dieta ricca in zuccheri favorisce obesità, candidosi, iperglicemia.
  1. Fare una dieta povera in grassi saturi limitando al massimo il consumo di carne rossa, formaggi e insaccati e preferendo il pesce alla carne. Mangiare pesci di piccola taglia, possibilmente pesce azzurro, pescato e non allevato. Utilizzare olio extravergine di oliva possibilmente a crudo.
  1. Introdurre nella dieta anche cibi fermentati quali, yogurt sia da latte che vegetale, crauti, miso, kefir.. Utilizzare la pasta madre per preparare il pane. In caso di necessità utilizzare probiotici, detti anche fermenti lattici, per riequilibrale la flora batteria (attenzione i probiotici non sono tutti uguali)
  1. Bere molti liquidi, acqua, tisane, infusi. In caso di disturbi utilizzare tisane di camomilla e melissa, dalle proprietà antinfiammatorie e antispastiche, e malva in caso di stipsi.
  1. Limitare lo stress e concedersi le giuste pause dedicandosi ad attività piacevoli che stimolino la creatività, aiutino a dimenticare le preoccupazioni e la tensione accumulate giorno dopo giorno, con un effetto positivo sull’umore, sul benessere psico-fisico e sulla qualità della vita. Fare attività fisica regolare. Camminare come minimo 20 minuti tutti i giorni. Dedicarsi allo sport preferito.

Prendersi cura del proprio intestino e delle propria alimentazione può essere definito un gesto di amore verso se stessi e questo non può farci che bene.

[yikes-mailchimp form=”1″ submit=”Submit”]