Econius – L’altra economia per vivere meglio l’altra domenica

Rubrica ECONIUS di Massimiliano Martini

Amaca

Finalmente domenica

E mi voglio riposar

Perche’ sta settimana sono proprio cott

Me so fatt un cul com un’ora d’nott

Ma non fo temp a di, questa si che e’ vita

Che da distant ved ma mi moi tutta armulita

Cammina fit, e’ tutta presa

E ti orecchi m’urla dai alzati, gim a fa la spesa

Alora i dic a brut mus

Ma do voi gi ogg che e’ tutt chius

Quant sei adietra, anca i mur el san

Oggi e’ apert anca l’auchan!!

L’avria presa e butata dal terazz

Ma zitt zitt me so cambiat perche’ a casa mia….en cont un cazz

Ma le disgrazi en vengn mai sol

Anca la socera ni via vol

E allora monta in macchina senza saper cosa andar ad acquistar

De sicur consumarim un po’ de benzina e dat na man ad inquinar

Ma cari mia ha da ni ancora il pegg

Mezz’ora de fila solo per il parchegg

La mogliettina c’e’ un posto la

La mia cara suocera…e’ tropp distant

I vel giur oggi o vo a l’infern o divent sant

Na volta scesi po’ che macell

A ruspon com i cinghiai per trova un euro per el carrell

Poi entram tutti grondanti dal sudor

Dentra un fredd che mi socera a momenti mor

Zitto zitto ho pensat

Almen un merit ma sta gita l’avem trovat

Non appena lia s’arpia, cur pur dentra a fa la spesa

Tocca fa a cagnara per trova un varc

Pareva d’essa all’autoscontro del luna park

All’inizio tutti alla ricerca dell’offerta del giorno

Ma dop 5 minuti s’innesca un meccanismo di acquisti stupidi senza ritorno

Dove c’e’ qualcosa de convenient la gente e’ poca

Ma do c’e’ na stupidaggin en tutti ma li piccicati come quand butti el gran ma l’oca

Stupende queste scarpe senza suola

O guarda belli questi occhiali senza lenti

Vi giuro una collezione di oggetti per consumatori deficienti

Tra tutta sta confusion avem pers ma la socera, oh  me so distratt

Ade’ va sape’ che fine ha fatt

Dalla gioia io gia’ gongol

Ma la fortuna oggi non m’assist ed eccla sgappe’ da dietra l’angol

Aveva in mano un mazzo di fiori dal gambo piumato

Da distant pareva un mist tra un pavon e toro seduto

Insomma gira che te gira sem arivati alla fin

E naturalment il carrell era pin

Dop un’altra oretta prima a sceia e poi a fa la fila alle cass

Arriva il cont e a momenti non me pia un collass

Cle donn sa tutta cla robba quant’eran content

Io invece piagneva come un matt che tel portafoi en c’aveva piu’ nient

Mentre caricava la macchina di tutti  sti serpent

Gia’ el vedeva chel cazz del signor auchan che rideva a 35 dent

Se la domenica tien la botega aperta lu

Guadagna un milion

Se la teng aperta io

Fo la figura del coion

E la gioia di aver comprato tutte ste cose e’ durat appena mezz’ora

Il tempo di far ritorno nella nostra dimora

Resta soltanto tanta amarezza

Per non aver riposato

E per aver riempito la casa di tanta mondezza

La morale sapete qual’e’

Compra di meno e compra meglio

Cosi’ starai bene te, l’ambiente e pure il portafoglio

Leggi gli altri articoli della rubrica “Econius”