Econius – Come ti cambio il clima

di Massimiliano Martini

Tra le aziende partner della conferenza mondiale sul clima Cop21 che si terrà a Parigi nel dicembre 2015, figurano multinazionali che inquinano e investono in energie fossili ed altre che sono causa dei cambiamenti climatici, deforestazione, dissesto idrogeologico. In preparazione alla conferenza da noiclima(1) si lancia lo slogan “ No alle energie Fossili” e “Il dissesto idrogeologico è la priorità”.

E’ un po’ come vedere Mastrolindo che fa uno spot di uno shampoo, Moira Orfei che promuove uno stile di vita acqua e sapone, Antonio Razzi testimonial del dizionario Garzanti o Rutelli di una scuola di inglese, Papa Francesco che sfila per D&G al grido “il nero sfina”, un po’ come Salvini senza felpa, il Pd senza correnti, Landini che pomicia con Marchionne, la Camusso nel coro di voci bianche, insomma se le cose stanno così sembra effettivamente strano che queste multinazionali siano veramente interessate ad una seria politica ambientale che tenga conto non dei loro interessi ma della nostra salute, di quella dei nostri figli e del pianeta su cui viviamo.

E se si prendessero a riferimento le tante buone società, cooperative, associazioni, amministrazioni che già operano bene in tal senso ed hanno intrapreso azioni concrete in tal senso ?

Ma forse fin quando non faremo anche noi le giuste scelte, i giusti acquisti, non vedremo il riciclaggio solo come un sistema per far girare del denaro sporco, il risparmio energetico come un momento per riposare sul divano, mangiare a Km0 come il sistema per farsi portare la pizza a casa ed il biologico come qualcosa da abbinare al testamento …….il benessere non ce lo meritiamo!!

 

Leggi gli altri articoli della rubrica “Econius”