Econius – Pubblicità Ingannevoli

di Massimiliano Martini

Euro o non Euro è la mancanza di informazione il vero “Dracma”

Uliveto e Rocchetta bocciata l’acqua della salute. Antitrust condanna Cogedi a 10 mila euro di multa. Quarta censura in pochi anni.

La pubblicità di Uliveto e Rocchetta è stata nuovamente censurata dall’Antitrust perché nei messaggi le due minerali vengono classificate come acque della salute, abbinando false diciture salutistiche e usando come testimonial associazioni di medici.

Ma dopo tutto perché credere ad un calciatore che parla contemporaneamente ad uccelli e suore?!!

Patatine fritte: multa di un milione dell’Antitrust per pubblicità ingannevole. Non sono “fatte a mano”. Queste aziende utilizzano diciture e immagini suggestive per attribuire alle pPubblicità (1) atatine “vanti di artigianalità”, nonostante la loro natura industriale. Sanzione anche per la Rustica promossa da Carlo Cracco.

Caro Carlo Cracco quale altra pietanza di alto livello pubblicizzerai in futuro? Mai pensato all’uovo sodo? Ho già lo slogan: un grande uovo fatto con il culo !!! almeno non sarà pubblicità ingannevole.

Poltronesofà, da Antitrust multa di 500mila euro per pubblicità ingannevole, la denuncia è partita da Altroconsumo. Secondo l’associazione, l’azienda posticipava continuamente la data di scadenza delle sue promozioni.

E mo che ie racconti agli artigggggiani della qualità? Li hai fatti lavorare come bestie e li hanno pure multati. Pareva strano tutte ste poltrone in offerta: non era mica il parlamento italiano!! Ora saranno loro a coniare uno slogan per te: Sabrina Ferilli beato chi se la fa….sul sofà!!!

Dopo la denuncia del M5S all’Autorità Garante della concorrenza e del mercato sulla pubblicità ingannevole di Federcarni e Confcommercio che recitava: “Sì alla carne. Piacere senza rischi”, l’Autorità ha dato ragione facendo ritirare lo spot!

pubblicità (2)Federcarni ha provveduto a rimuovere i profili di scorrettezza della propria campagna pubblicitaria, caratterizzata, come scrive la stessa Direzione, da affermazioni di «tenore assoluto e perentorio che avrebbero potuto indurre i consumatori a ritenere che il consumo di carne sia incondizionatamente esente da rischi e anzi indispensabile per combattere anemia e spossatezza».

Berlusconi difende Federcarni: anche io sono per il piacere della carne …. Piacere senza rischi a parte le intercettazioni !!

Red Bull non mette le ali. L’azienda paga 13 milioni di dollari per spot ingannevole.

Una class action americana contro lo spot della bevande energetica: “Nessun fondamento scientifico sul fatto che dia la carica, uso forviante delle immagini e dello slogan”.

Chi ha fatto causa si è appellato alla mancanza di un supporto scientifico e all’uso forviante di parole come “ali” e “dare la carica” che darebbero ai consumatori l’impressione, solo apparente, di ricevere un rafforzamento psico-fisico.

In vista partnership tra Lines e Red Bull : usa i due prodotti insieme e la darai via in un attimo….anche in quei giorni!!

Leggi gli altri articoli della rubrica “Econius”