Mense: arriva “Bam.pè” il progetto per il consumo dei prodotti locali

LUCCA Il Comune di Lucca è stato ammesso ai finanziamenti del programma di cooperazione Italia-Francia “Marittimo”, per lo sviluppo di un progetto volto a promuovere, presso le mense scolastiche, il consumo dei prodotti agroalimentari locali d’eccellenza: prodotti depositari dei valori della cultura locale, freschi e genuini, cui spesso non si accompagna un’adeguata sensibilità e cultura alimentare dei consumatori.

Il progetto si chiama BAM.P.E’, acronimo di “Bambini e prodotti agricoli d’eccellenza” e, oltre al Comune di Lucca, presenta un partenariato composto dai Comuni di Sassari in qualità di capofila, e Genova, dalla Chambre Départemental D’Agriculture de Haute Corse e dall’Agenzia Regionale per lo sviluppo in agricoltura LAORE Sardegna. E’ stato presentato stamani all’Agorà dall’assessore alla pubblica istruzione Donatella Buonriposi e dai rappresentati delle istituzioni che vi partecipano.

“La strategia del progetto, – ha spiegato l’assessore Buoniposi – che gode di un finanziamento di 320.000 euro, è incentrata sull’educazione alla qualità alimentare dei giovani in età scolare, soggetti particolarmente sensibili della filiera alimentare.

In fase di avvio, sono previsti momenti d’incontro tra la domanda e l’offerta di prodotti alimentari di qualità, ovvero tra il mondo della scuola ed i produttori locali. L’obiettivo è soprattutto quello di individuare soluzioni innovative per migliorare la capacità degli operatori agricoli di servire il mondo della scuola, soddisfacendone al meglio le specifiche esigenze.

Il cuore del progetto è rappresentato, oltre che da specifici percorsi formativi per i docenti, dai laboratori didattici, durante i quali i bambini scopriranno i prodotti locali ed impareranno a riconoscerne le valenze qualitative e culturali. In questo modo, i bambini diventeranno portatori di buone pratiche alimentari e comportamenti virtuosi all’interno delle loro famiglie, orientandone i consumi verso modelli sostenibili.

Il progetto si chiuderà con azioni orientate ad innovare le politiche pubbliche nella gestione dei servizi mensa, al fine di garantire pasti ancora più genuini ed equilibrati.

Crediamo – ha concluso Donatella Buonriposi – che BAM.P.E’ sia una grande occasione per potenziare la qualità dell’offerta delle mense scolastiche, migliorare ulteriormente la capacità di gestione del servizio e valorizzare gli sforzi che, in questi anni, il mondo della scuola ha già fatto sul tema della qualità alimentare, del consumo sostenibile e della riscoperta delle produzioni locali.”