Nelle mense delle scuole si mangeranno prodotti locali

ORISTANO. Atteso arriva il nuovo bando della gara d’appalto per le mense scolastiche. L’ha pubblicato la giunta comunale e prevede l’assegnazione del servizio mensa per le scuole dell’infanzia, gli asili nido e le scuole primarie dove si pratica il tempo pieno.

Le imprese hanno tempo fino al 10 luglio per la presentazione delle offerte. Il servizio avrà una durata triennale e costerà, secondo l’importo a base d’asta, due milioni e 49mila euro, con un costo di cinque euro a pasto, ovviamente non interamente a carico.

«Con questa cifra potranno essere garantiti 136mila e 600 pasti: undicimila sono per i nidi d’infanzia, cinquemila per le sezioni primavera, 83mila e 700 per le scuole d’infanzia e 36mila e 900 per le scuole primarie – osserva l’assessore ai Servizi scolastici, Maria Obinu –. Il nostro obiettivo è quello garantire l’avvio del nuovo servizio in coincidenza con la partenza del nuovo anno scolastico».

Nella valutazione delle offerte sono stati previsti punteggi aggiuntivi per chi fornirà prodotti derivanti da coltivazioni e allevamenti locali. «Pensiamo a prodotti certificati a filiera corta, di qualità e tradizionali, ma anche a prodotti biologici locali certificati o del commercio equo e solidale. Puntiamo su un alto livello qualitativo dei pasti e sulla valorizzazione delle nostre produzioni agroalimentari», prosegue Maria Obinu.

L’impresa che si aggiudicherà l’appalto dovrà garantire la fornitura alimentare, la preparazione e la cottura dei cibi, il trasporto dei pasti nelle scuole, l’allestimento dei tavoli e la somministrazione dei pasti, la pulizia e il riordino degli arredi, delle attrezzature e dei locali utilizzati a mensa.