Natural Mente – Prendersi cura della pelle con rimedi naturali

RUBRICANatural mente” di Mirella Torelli

PRENDERSI CURA DELLA PELLE CON I RIMEDI DELLA NATURA (Parte 2- Dermatite)

 

cura della pelle dermatite

 

Parlando di cura della pelle, sotto il termine dermatite si celano diverse malattie della cute, in gran parte caratterizzate da fenomeni infiammatori. Se intesa nel suo significato più ampio, la dermatite è un disturbo piuttosto comune, alquanto generico e come tale dovuto alle cause più disparate (infezioni, irritazioni, reazioni allergiche, carenze o eccessi alimentari, tossicità di alcuni cosmetici ecc.). Esistono infatti diversi tipi di dermatite, come la dermatite seborroica e quella atopica (nota anche come eczema o dermatite eczematosa), e dermatite da stress psico-emotivo.
Nonostante questa grande variabilità per cause e manifestazioni, le dermatiti sono accomunate da alcuni sintomi caratteristici, come pruriti, arrossamenti e piccoli gonfiori della pelle, talvolta a carattere vescicolare fino a vere e proprie lesioni.

Come anticipato addentriamoci nella cura della pelle: la dermatite è una condizione piuttosto comune, non contagiosa, che tutto sommato non incide pesantemente sulla salute generale dell’individuo; nonostante ciò, può risultare alquanto poco confortevole per chi ne soffre, talvolta con ripercussioni negative sulla vita di relazione.

Nel caso della dermatite da stress, i cui sintomi non differiscono da quelli di una dermatite da contatto, l’infiammazione improvvisa della cute provoca fastidio, prurito o sensazione di bruciore. La reazione è caratterizzata da secchezza cutanea, arrossamento e desquamazione eccessiva. Solitamente colpisce il volto, il collo, le mani, i piedi. Di frequente può colpire anche le palpebre. L’eruzione cutanea può essere più o meno fastidiosa e causare una sensazione di prurito o calore più o meno intensa che spinge chi ne soffre a grattarsi con insistenza fino a procurarsi abrasioni ed escoriazioni spesso a rischio indiretto di infezioni.

Come vi ho già detto la pelle non è un mero contenitore di organi, è essa stessa un organo, e il suo compito è quello di regolare gli scambi tra l’interno e l’esterno del corpo e viceversa. Questa sua fondamentale funzione deve indurci a considerare le manifestazioni patologiche a suo carico come l’espressione dello sforzo che l’organismo sta facendo per riportare in superficie e per eliminare materiale tossico o processi patologici. Evitando in questo modo che possano coinvolgere funzioni e organi più importanti e delicati. Avvalendoci delle piante officinali e dei rimedi naturali in genere nel tentativo di lenire i sintomi di questo disturbo rispetteremo il delicato equilibrio di questo cruciale organo comunemente chiamato pelle. Prima di passare al loro elenco mi preme chiarire due aspetti: quando parlo di “eliminare materiale tossico” do per scontato che lo siano anche i pensieri e le emozioni non armoniosi, al pari delle molecole chimiche. Il secondo è che la scelta fra le piante utili per la cura della pelle in caso di dermatite non è cosa facile. Le forme cliniche sono così numerose e le persone che ne soffrono così diverse l’una dall’altra da meritare una proposta terapeutica il più possibile individuale.

RIMEDI CONSIGLIATI CONTRO LA DERMATITE:

  • Decotto di Mirtillo: bollite 50g di bacche e foglie in 1 litro d’acqua per 10 minuti. Filtrate e usate per detergere le zone colpite.
  • Decotto di Veronica: bollite 30g di pianta in 1 litro d’acqua sempre per 10 minuti. Usatelo come impacco per almeno 15/20 minuti.
  • Decotto di Carlina: bollite 20 g di radici in 1 litro d’acqua per 10 minuti e assumetene 2 tazze al giorno fino alla remissione dei sintomi.
  • Bardana TM: 25 gocce 2 volte al dì.
  • Fumaria TM: 25 gocce due volte al dì
  • Viola tricolor TM: 25 gocce due volte al dì.
  • Ulmus Campestris 1DH Gemme: 50 gocce due volte al giorno.
  • Cedrus Libani 1DH Gemme: 50 gocce due volte al giorno
  • Ribes Nigrum 1DH Gemme: 50 gocce due volte al giorno.
  • Paglia di Avena, Camomilla, Crusca, Equiseto e Lavanda: Miscelate i componenti in parti uguali. Fatene bollire 4 manciate in 8 litri d’acqua circa per 15 minuti. Filtrate e aggiungete all’acqua (calda) del bagno. Rimanete nella vasca per almeno 20 minuti. Praticate questo bagno almeno 1-2 volte alla settimana.

Fonti: Il grande libro delle Cent’erbe – Demetra edizioni

Guarire con le Erbe – Maria Giulia Luda e Alfonsina Vassallo

Leggi gli altri articoli della rubrica “Natural Mente”

[yikes-mailchimp form=”1″ title=”1″ description=”1″ submit=”Iscriviti Ora!”]