Natural Mente – Prendersi cura dell’intestino nel cambio di stagione (pt. 1)

RUBRICANatural mente” di Mirella Torelli

intestino(1)

L’ amico Intestino è un organo tanto prezioso quanto vulnerabile del nostro organismo. Da lui dipendono l’assorbimento delle sostanze nutritive e vitali e la conseguente eliminazione di quelle di rifiuto ma lui dipende, a sua volta, da tanti fattori, esogeni ed endogeni, per poter funzionare al meglio.

Prendersene cura, anche con un approccio naturale, richiede tempo e interventi mirati, approfonditi e sinergici che interessano il suo aspetto organico, quello simbolico e le ripercussioni che pensieri ed emozioni hanno su di lui. Oggi approfondiremo la relazione tra la salute del nostro intestino e il cambio di stagione autunnale. Si perché questo particolare momento di transizione è per lui particolarmente delicato e si può ripercuotere sul ritmo dei suoi movimenti, la famigerata peristalsi. Di fronte a tale cambio di marcia esso può reagire in diversi modi: impigrendosi ( Stipsi ); infiammandosi ( Colite ); accelerando il ritmo ( Diarrea ); presentando un ritmo irregolare ( Colon irritabile ). La vera brutta notizia è che questi disturbi, nel lungo periodo, portano ad una progressiva intossicazione e ad un indebolimento delle nostre naturali difese immunitarie! Il nostro compito o forse è meglio dire il nostro dovere è quello di riportare questo nostro organo a danzare al ritmo della Natura!

An image of a blocked digestive track.

LA STITICHEZZA O STIPSI: consiste in un rallentamento del transito intestinale con evacuazioni faticose e meno frequenti rispetto al solito: si parla di stipsi dopo 3 giorni di mancata evacuazione. In genere la stipsi è dovuta ad una dieta poco ricca di liquidi, scarsa assunzione di frutta e verdure e sedentarietà, ragion per cui se non si interviene su queste regole semplici e basilari a nulla servirà ricorrere a lassativi di qualsiasi  genere! Bere acqua, tanta acqua, così da rendere l’intestino umido e le feci lubrificate. Aumentare l’apporto di fibre utili a facilitare il transito intestinale, perciò si ai cereali integrali biologici e a frutta e verdura biologica e di stagione. Utilizzare semi di lino e semi oleosi quotidianamente. La tradizione erboristica poi ci suggerisce tanti rimedi utili in questa circostanza. I più semplici sono il mettere qualche goccia di limone in dell’acqua calda (non bollente) e in alternanza su un cucchiaino con dell’olio extra vergine di oliva il mattino a digiuno. Possiamo preparare un infuso misto lasciando riposare due pizzichi di Malva, due di Finocchio e due di Liquirizia (quest’ultima da assumere con cautela in caso di ipertensione) per 7 minuti in acqua bollente e berne una tazza la sera dopo cena. Altro efficace infuso sarà quello ottenuto preparando una miscela costituita da parti uguali di Senna, Frangola e Camomilla per l’equivalente di due cucchiai da dessert in infusione per 10 minuti in una tazza d’acqua bollente da bere sempre la sera. Tra i Decotti quello misto: 30g di Cicoria, 10g di Fumaria, 20g di radice di Rabarbaro fatti bollire per mezz’ora in 1 litro d’acqua di cui ne assumeremo due cucchiaini prima dei pasti principali. Dall’ottimo effetto lassativo è anche il succo preparato con i frutti del sambuco di cui ne assumeremo 1-2 cucchiaini al bisogno.

Pur se in maniera generica non posso non volgere lo sguardo alla necessità di un sostegno alle emozioni o agli atteggiamenti mentali che si fanno con-cause di questo tipo di disturbo. A tal proposito la Floriterapia se ne occupa in modo dolce ma anche profondo e duraturo. Due sono i Fiori più utili: Rock Water ( Acqua di roccia )- il fiore dedicato a chi è vittima di un eccessivo auto controllo con conseguente rigidità nel modo di pensare me anche nel muoversi nel mondo e nel manifestarsi. A chi anela alla perfezione e per questo “non si lascia andare”! E Impatiens ( Impatiens Glandulifera ) – il suo stesso nome ci porta alla natura di chi ne ha bisogno; sempre impaziente, frettoloso e a volte intollerante nei confronti del prossimo ma anche di se stesso al punto da trascurare i propri bisogni anche essenziali. Infatti molte persone non si danno il tempo di attendere con pazienza e nella giusta sede che il loro prodotto di scarto possa essere eliminato, espulso da corpo!!!

Fonti: Tisane e Rimedi Naturali-Ricette di Abazie e Conventi- Edizioni del Baldo

I Fiori di Bach- Giuliana Lomazzi- Key Book

Leggi gli altri articoli della rubrica “Natural Mente”