Racconto ae – Rendere il mondo un posto migliore (cap. 5)

Le puntate precedenti

“Società per relazioni”. Quella frase con cui si chiudeva il video “Alice ‘lumaca’ Felice” le aveva dato da pensare. Aveva riso e pianto guardando il filmato con cui la Cooperativa Sociale Gerico racconta il proprio impegno quotidiano.

Si rese conto che, pur facendo la spesa all’emporio ae da diversi anni, solo in quel momento, guardando quel video, aveva colto davvero cosa ci stava dietro. Lo sapeva che il negozio era gestito da una cooperativa che dà lavoro a persone “fragili”, ma non ci aveva mai dato troppo peso. Le piacevano i prodotti, le piaceva la filosofia di quel posto, le piaceva l’atmosfera, e per questo ne aveva fatto il suo negozio di fiducia.

Ma ora, il racconto della “lumaca” Alice, le aveva dato una nuova prospettiva.

Per Valentina era un periodo di grandi cambiamenti. In un giorno di pioggia, qualche settimana prima, si era resa improvvisamente conto di non essere felice, di vivere giorno per giorno una vita che non amava. A partire dal lavoro. Una scossa l’aveva spinta a scrivere la lettera di dimissioni dallo studio di commercialisti nel quale lavorava da anni.

Quando si decide di ricominciare è sempre bene chiudere i conti col passato. In un’altra era si sarebbe riletta il diario segreto. In questa, si era messa a scorrere all’indietro il proprio profilo Facebook. “Niente da rimpiangere, niente da rinnegare”, si era detta. Ma aveva deciso, anche lì, di ricominciare. Vecchio profilo di Valentina Rosselli chiuso. Nuovo profilo aperto come Valentina ae (Anita ed Elisa erano i nomi di riserva che le avevano dato al battesimo, ma erano anche i nomi delle sue amate nonne).

Voleva prendersi qualche settimana per rimettere ordine alla vita. Quella strana estate post COVID si prestava. Non aveva programmato vacanze. Si sarebbe concessa passeggiate solitarie e silenziose. Lei, Valentina e Valentina a tu per tu.

“Voglio fare qualcosa che mi dia soddisfazione, che mi faccia sentire utile, che serva in qualche modo a rendere il mondo un posto migliore”.

Aveva amici impegnati in associazioni ambientaliste come La Lupus in Fabula, altri che collaboravano con L’Africa Chiama, altri ancora che insegnavano italiano agli stranieri con Millevoci… Tutte cose che le piacevano un sacco. Ma dopo avere visto quel video comprese che un’altra decisione della sua nuova vita era state presa.

Neanche mezz’ora dopo era all’emporio di Poderino.

“Ciao Erika… ehm, senti, volevo chiedere una cosa… non so se… cioè… ma qui all’emporio, cioè, a Gerico, è possibile fare anche volontariato?”

Erika le aveva spiegato che in ogni cooperativa sociale è possibile diventare soci volontari. Che in realtà Gerico di volontari ne aveva sempre avuti pochi, perché la priorità era sempre state creare opportunità di lavoro. Però, se le andava di fare volontariato se ne poteva parlare.

Telefonarono in ufficio, poi Valentina risalì in auto direzione Rosciano dove l’aspettavano Andrea e Michele.

Dopo una lunga chiacchierata era uscita dall’ufficio della cooperativa con la richiesta di ammissione a socia compilata e firmata. Negli ultimi mesi c’era stata un’altra volontaria, Federica, figlia di Fabio Bilancioni, uno dei fondatori e primo presidente di Gerico. Si era occupata di ridare una sistemata alla gestione dei social media e del sito, aveva creato un profilo Instagram per l’emporio… ma poi erano sopraggiunti altri impegni, e quel compito era stato assunto, in mezzo a tanti altri da Michele, che non vedeva l’ora di trovare qualcuno a cui cederlo!

Valentina non si sentiva certo una social media manager, ma era pronta a metterci tutto l’impegno e la passione di cui era capace.

Iscriviti

* dati richiesti
/ ( dd / mm )
Cosa ti interessa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.