Pane amore e sophia – Conflitto

conflittodi Michela Di Ciocco

Pòlemos di tutte le cose è padre, di tutte le cose è re”.

A parlare è Eraclito l’oscuro, voce profonda e complessa e ponte fra oriente e occidente, cinquecento anni prima della nascita di Cristo.

Il conflitto, ci spiega inoltre l’oscuro, è il motore ed il modo con cui si manifesta e si muove la “armonia non visibile, di quella manifesta più potente”; quel filo conduttore che tiene insieme gli eventi e da loro senso. Eppure il conflitto, nonostante la nostra società sia molto conflittuale, viene visto sotto sinistra luce, in quasi ogni campo. L’illusione di una pace come quiete, di un equilibrio come statico, ci porta a vedere problematico il confliggere che – stando alla radice del termine – invece, è un urto, un confluire fra due istanze che devono fare i conti col loro toccarsi e condividere uno spazio. Pensiamoci, la prossima volta che evitiamo un conflitto per mantenere il quieto vivere: non è forse segno di maggiore vitalità?

(Eraclito, Dell’origine, Feltrinelli)